La crisi economica si supera anche con il Feng Shui

 
La crisi economica, come ogni momento di passaggio e di rottura, porta con sésicuramente delle negatività. Ma la legge universale dell’equilibrio, se non altro, ci dice che altrettante saranno le positività, magari non immediatamente evidenti, certo èche ci sono.
Le crisi hanno il vantaggio di interrompere dei meccanismi consolidati, nei quali ci si era adagiati, per pigrizia, per l’universale tendenza ad abbandonarsi  agli automatismi, cosìcomodi, eppure spesso cosìdannosi. Quando il meccanismo si inceppa si aprono infinite possibilità. Ed èlìche risiede l’opportunità, perchéla routine smette di riprodursi passivamente e si aprono spazi alle novità. Magari vincenti.
In questa ampia porta spalancata dall’ultima crisi economica iniziata nel 2008 e oggi in via di soluzione fisiologica, piùche propriamente strategica, si inseriscono nuove domande, nuovi mercati, nuove opportunità. Basta saperli individuare e approcciarsi nel modo giusto.
Un modo nuovo per individuarli puòessere quello suggerito da una disciplina cinese, tanto antica, quanto attuale, come il Feng Shui. Se, ad esempio, èrisaputo fin dall'antichitàche la cosa migliore per edificare una cittàsia farlo nei pressi di un corso d'acqua, non tutti sanno che questo èuno dei principali dettami del Feng Shui, prima ancora che di Aristotele, che a sua volta lo dedusse dall'osservazione della saggia vita delle api. Acqua come fonte di prosperitàe ricchezza. Indicazioni pratiche di questo genere sono direttamente applicabili anche al business. Quali e come? Lo abbiamo chiesto per i lettori di Calabria Economia ad una professionista che ha avviato la sua impresa, una promettente sturt up attiva nel Meridione d’Italia e con sede operativa a Catanzaro. Si tratta di Michaela Lechner, esperta e Consulente Chue Style Feng Shui. Il suo compito èproporre soluzioni che ristabiliscono equilibrio e armonia dentro e fuori di noi, ad esempio proprio dopo una grave crisi, creando le migliori condizioni di realizzazione personale, professionale e relazionale.
 
Signora Lechner nel tempo attuale, di crisi cosìgenerale, quale utilitàpuòvenire da una disciplina antica come il Feng shui?
 
Stiamo vivendo un periodo di disorientamento. Non avendo piùchiari i propri valori ed obiettivi, le persone non sanno che direzione prendere. Vede, in cinese, la parola crisi ècomposta da due ideogrammi: uno significa pericolo e l’altro opportunità. Quindi sta a noi decidere che cosa ne vogliamo fare: farci prendere dalla paura e diventare vittime passive degli eventi, oppure cogliere l’opportunitàdi crescere. La seconda opzione èsicuramente la piùsaggia. Cercare di  utilizzare meglio le nostre risorse e mettere in atto un cambiamento graduale per ristabilire un equilibrio che si allinea con i nostri obiettivi e valori, rispettando il mondo dentro e fuori di noi. Ma sappiamo benissimo che il cambiamento vero implica una presa di coscienza profonda, uno sforzo, un impegno non comune. Ci richiede di saper guardare, ascoltare e sentire il mondo a 360 gradi. Ci richiede chiarezza. Ed èproprio qui che una disciplina antica come il Feng Shui, con i suoi principi rimasti inalterati nel tempo, ci viene in aiuto. Attraverso l’osservazione di noi stessi e dell’ambiente che ci circonda, essenziale per comprendere e agire, o non agire in modo consapevole, acquisiamo la volontà, la determinazione ed il coraggio di fare. Ciòci permette di prevedere come affronteremo le varie situazioni che la vita ci porràdi fronte, andando incontro alla vita preparati, e quindi capaci di scegliere situazioni, comportamenti e atteggiamenti funzionali in base ai propri obiettivi. Applicare il Feng Shui nella nostra vita privata e professionale mobilita e orienta quest’energia vitale verso obiettivi comuni di successo e ci rende attori di un cambiamento responsabile.
 
A chi si rivolge dunque il Feng Shui?
A chi desidera iniziare un percorso di consapevolezza e a chi desidera migliorare la qualitàdella propria vita privata e professionale. Ma anche ai professionisti del settore “abitare”, come architetti, ingegneri, agenti immobiliari, solo per citarne alcuni, che vogliano offrire ai propri clienti il valore aggiunto di una progettazione secondo i principi del Feng Shui.
 
A quali ambiti della vita si puòapplicare, piùo meno direttamente collegati al business?
I campi di applicazione del Feng Shui sono innumerevoli: dagli spazi abitativi, professionali e pubblici come case, uffici, negozi, studi, piazze, ecc., al DNA energetico della persona (o Ba Ji). L’uso elettivo del Feng Shui si ha soprattutto  a livello di selezione e progettazione, ma anche in fase di ristrutturazione si puòfare molto, molto piùdi quanto crediamo. Ad ogni livello si agisce sulla forma, gli orientamenti, le zone di accesso e uscita, i percorsi interni ed esterni, gli arredi, i colori, i materiali, la migliore ubicazione delle funzioni d’uso degli ambienti, tenendo in considerazione il fattore “tempo”. Invece attraverso l’analisi della struttura energetica individuale si puòmigliorare la conoscenza di se stessi per poter fare le scelte giuste nella vita. L’analisi di tutti questi ambiti, sempre su misura per quel particolare spazio, cliente e situazione,  ci consente quindi di sviluppare tutta la potenzialitàdi un luogo, del tempo e della persona e l’attitudine di essere nel luogo giusto, al momento giusto e fare la cosa giusta.
 
Quali possono essere gli obiettivi e i benefici, per esempio, dellapplicazione del Feng Shui al business?
 
Vede, la consulenza per spazi professionali èutile in tutti i casi in cui il successo e la ricchezza di un’azienda sono legati ad un determinato spazio. Infatti, secondo la sua configurazione puòfavorire o impedire lo sviluppo di un’attività. Per ciòverificare se i messaggi inviati dall’ambiente sono in linea con gli obbiettivi lavorativi, èessenziale. Obiettivo nella Consulenza Business èquello di aumentare le entrate economiche, ottenere una maggior visibilità, ove richiesta, incrementare l’efficienza lavorativa e risolvere problematiche di natura relazionale, legali, o di salute.
 
Lei a chi consiglierebbe oggi di avvicinarsi al Feng Shui?
 
A chi vuole dare un impulso nuovo alla propria vita privata, professionale o pubblica, e attivare un processo di consapevolezza funzionale alla soluzione del problema.
 
 
Scheda: Michaela Lechner, esperta e Consulente Chue Style Feng Shui, èabilitata come consulente Chue Style Feng Shui, come riconosciuto dalla Chue Foundation. Continua la formazione specialistica attraverso ricerche e corsi a carattere internazionale. Membro del direttivo dell'Associazione Italiana ChueStyle Feng Shui.  www.fengshui-do.it

(Rosalba Paletta)

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
22 dicembre 2015


condividi

googleplus twitter

Copertina