Foto G. Fasiello - www.giuliofasiello.com

Quando vogliono andare in vacanza, e in particolare progettare un viaggio “importante” e strutturato, gli italiani si affidano sempre di più ai consulenti di viaggio: figure chiave della ripresa del settore turistico, che uniscono un’elevata componente di servizio (offrono le loro consulenze a domicilio) a competenze di alto livello e a un uso “smart” della tecnologia per progettare itinerari su misura, personalizzati con esperienze attentamente selezionate.

Lo confermano i dati 2018 di CartOrange, l’azienda che per prima in Italia ha scommesso sui consulenti di viaggio nel 1998 e da allora è cresciuta costantemente. In particolare, CartOrange ha chiuso il 2018 con un incremento del giro d’affari del +19% (+15% per il settore nozze). Solo negli ultimi 5 anni CartOrange è cresciuta del 90%.

«Al secondo anno del nostro piano industriale, siamo perfettamente in linea con gli obiettivi che ci eravamo dati – commenta l’amministratore delegato di CartOrange Gianpaolo Romano –. Osserviamo una crescita generalizzata per tutti i consulenti in rete, che ottengono sempre più richieste qualificate dal mercato. Da un’indagine CartOrange condotta da Doxa risulta infatti che l’85% dei nostri clienti richiede un servizio completo di consulenza, affidandosi quindi al consulente per ogni aspetto della pianificazione del viaggio, non solo per le prenotazioni. Ed è bassissima la percentuale di clienti che, dopo la consulenza, non finalizzano l’acquisto. Un altro dato di cui possiamo andare orgogliosi è l’apprezzamento che i clienti dimostrano per il nostro servizio: dal servizio di certificazioni delle recensionifeedaty.com, risulta che su 7mila recensioni, il 99,2% è positivo e l’81% valuta il servizio CartOrange 5 stelle su 5». A riprova che la figura del consulente di viaggio è sempre più familiare agli italiani ci sono anche i numeri dell’ultimo rapporto dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo del Politecnico di Milano: più di 1 turista su 2 conosce i consulenti di viaggio e il 12% si è già rivolto a uno di loro.

Gianpaolo Romano ha ricordato questi dati alla convention annuale di CartOrange, tenutasi quest’anno a Milano. Con l’occasione Romano ha anche illustrato ai consulenti arrivati da tutta Italia quali sono i piani dell’azienda per il futuro: «Potenzieremo gli investimenti in formazione, tecnologia e comunicazione. Avere consulenti competenti, aggiornati e pronti a cogliere le sfide del mercato è per noi fondamentale, perciò continueremo a curare con attenzione la formazione offerta dalla CartOrange Academy. Inoltre rinnoviamo l’impegno a puntare sull’innovazione che da sempre ci caratterizza: il digitale, unito al fattore umano, è ciò che ci permette di offrire ai nostri clienti una customer experience eccellente e personalizzata. Per questo investiremo anche in tool di intelligenza artificiale».

Altro progetto presentato da Romano è stato #CARTORANGE4PLANET, con cui l’azienda si impegna a compensare le emissioni inquinanti dei voli aerei dei propri clienti: per ogni viaggio viene piantato un albero di cacao da agricoltura sostenibile in Camerun e se ne può seguire la crescita via web attraverso la piattaforma Treedom. L’iniziativa è partita dai clienti che acquistano viaggi del tour operator CartOrange, ma in futuro potrà estendersi anche ai viaggi di altri tour operator venduti dai consulenti.

Tutti strumenti e novità al servizio dei Consulenti per Viaggiare (marchio registrato di CartOrange), che, il 14 e 15 giugno a Milano, hanno vissuto una due giorni intensa tra momenti conviviali (cena dello chef 2 stelle Michelin Antonio Guida allo Spazio Gessi, cena e cabaret alle Officine del Volo) e lavori congressuali alla Tower Hall di Unicredit con prestigiosi ospiti quali Alex Bellini, esploratore e Performance Coach, Frederic Naar, proprietario di Naar Tour Operator, Francesco Deledda, CEO di Olympia Viaggi e Giovanni Solaroli, Executive Vice President Unicredit e Regional Manager Lombardia.

Come sempre, il momento culminante della convention è stato quello del premio al miglior consulente d’Italia: per il 2018 è andato ad Alessandra Tagliabue. Milanese, 42 anni, dopo una lunga carriera come graphic designer da qualche anno ha deciso di fare a tempo pieno la Consulente per Viaggiare: oggi è arrivata ai massimi livelli grazie al supporto di CartOrange, alla sua passione e al suo impegno nell’aggiornamento professionale continuo.