Il “cuore” della Calabria batte per le avanguardie tecnologiche capaci di connettere e offrire nuove opportunità.

È la stessa natura di Catanzaro a raccontarlo grazie al suo storico incontro di culture e alla sintesi tra terra e mare, da sempre segno distintivo del capoluogo della regione che disegna la punta dello Stivale.

Una città aperta all’innovazione che si prepara ad accogliere una nuova infrastruttura “a prova di futuro”: la fibra ottica d’ultima generazione targata Open Fiber, una rete di telecomunicazioni capace di garantire a cittadini e imprese accesso al web a prestazioni inedite. Una svolta digitale evidenziata nella convenzione stipulata tra il Comune e l’azienda, patto che favorisce la realizzazione di un’infrastruttura in modalità FTTH (Fiber To The Home, cioè la fibra ottica stesa fin dentro casa) l’unica in grado di restituire velocità di connessione al web fino a 1 Gigabit al secondo e latenza inferiore ai 5 millisecondi. La società guidata dall’amministratore delegato Elisabetta Ripa investirà nella Città delle Aquile 9,5 milioni di euro per il cablaggio di circa 37mila unità immobiliari. Complessivamente 677 chilometri di fibra ottica avvolgeranno i quartieri della città dal centro alle periferie. A sancire l’accordo il sindaco Sergio Abramo, l’assessore all’innovazione tecnologica Alessio Sculco, il responsabile Network&Operations Area Sud di Open Fiber Emanuele Briulotta e il regional manager Calabria di Open Fiber Roberto Renna.

La collaborazione fra il Comune e Open Fiber permette al capoluogo calabrese di entrare a far parte, a pieno titolo, della “Strategia italiana per la banda ultralarga”, ha affermato il sindaco, Sergio Abramo, sottolineando come, “ancora una volta, questa amministrazione inserisca la città in un contesto di sviluppo, in questo caso nazionale ed europeo, che in Calabria sta ancora muovendo i primi passi”.

“L’installazione della banda ultralarga in fibra ottica sul nostro territorio  ha aggiunto Abramo – è senz’altro una buona notizia, e il fatto che Open Fiber, azienda compartecipata da Enel e Cassa depositi e prestiti, abbia puntato proprio su Catanzaro conferma la serietà e l’autorevolezza di questa amministrazione anche come interlocutore istituzionale per ampliare lo sviluppo tecnologico, e le contestuali opportunità di crescita, della città. Questo investimento di Open Fiber lancia Catanzaro verso il futuro”. Per Abramo, inoltre, “la fibra ottica servirà a ottimizzare, giusto per fare un esempio, il funzionamento delle tante telecamere di sicurezza che sono state installate, o stanno per essere installate, sul territorio comunale”.