Ti preghiamo affinché le nostre vite trasformate diventino come gioielli viventi nella tua corona di elevazione e gloria”.

E’ questo il passaggio più importante letto durante la preghiera per l’incoronazione dell’Effige della Madonna di Czestochowa venerata negli Stati Uniti, avvenuta lo scorso 25 di agosto nel corso di una solenne cerimonia presieduta dall’Arcivescovo di Philadelphia Charles Chaput. A tenere l’omelia, invece, è stato Thomas Wenski, Arcivescovo di Miami, di origini polacche. La funzione è avvenuta, alla presenza di migliaia di fedeli, nel Santuario American Czestochowa di Doylestown, luogo di grande devozione per la comunità polacca presente negli Stati Uniti e visitato negli anni da milioni di pellegrini, tra questi anche i presidenti degli Stati Uniti Lyndon B. Johnson e Ronald Regan e Karol Wojtyła, che durante il suo pontificato ha benedetto l’Icona della Vergine, giunta dalla Polonia negli States.

A realizzare i Diademi è stato il maestro orafo Michele Affidato, che dopo il prestigioso incarico conferito dai Padri Paolini di Czestochowa al maestro per la realizzazione dei nuovi diademi per la Vergine polacca del Santuario di Jasna Gora, in occasione del 300° anniversario della sua prima incoronazione, ha ricevuto dai Padri Paolini d’America del Santuario American Czestochowa di Doylestown, l’incarico di realizzare anche i nuovi diademi per l’Effige della Madonna che si trova in  Pensilvania. Diademi che, nello scorso mese di luglio, sono state benedetti in Vaticano da Papa Francesco, alla presenza del “Provinciale D’America” Padre  Fr. Tadeusz Lizinczyk, accompagnato da una rappresentanza di Padri Paolini. Un’opera particolarmente importante per la comunità cattolica polacca presente negli Stati Uniti. “Questa corona – spiegano i Padri Paolini – è un simbolo del nostro amore e gratitudine per Maria, che ha fatto così tanto per noi e continua a farlo. Da questo momento la nostra Regina – ma da sempre nostra Madre – che non ci lascerà mai e alla quale desideriamo rimanere fedeli per sempre”. I diademi sono stati realizzati interamente a mano, con pietre preziose simili a quelle utilizzate per la Madonna di Czestochowa in Polonia.

A rappresentare il gruppo Michele Affidato negli Stati Uniti c’era Antonio Affidato, che ha collaborato insieme allo staff del maestro alla realizzazione dei Diademi, che sono stati accuratamente sistemati sul capo della Vergine. “E’ un lavoro che parte da lontano – spiega il maestro Michele Affidato – il rapporto che si è venuto a creare con i Padri Paolini nel corso degli anni è qualcosa di speciale davvero. Un rapporto grazie al quale è nato anche il gemellaggio tra i Santuari di Jasna Gora e Capocolonna, due Madonne nere unite per sempre e che, dopo la posa dell’icona della Madonna di Czestochowa nella Basilica Cattedrale di Crotone donata dai Padri Paolini di Czestochowa e consegnata per mano dell’Arcivescovo Waclaw Depo come segno di unione tra i due popoli, si rafforzerà ancora di più il prossimo anno con la consegna di un’icona della Madonna di Capocolonna al Santuario di Jasna Gora e che resterà per sempre  a suggello del gemellaggio tra due popoli uniti nel nome di Maria”.