L’export si conferma un importante driver per il business e la crescita delle PMI vibonesi.

Per questo la Camera di Commercio di Vibo Valentia, guidata da Sebastiano Caffo, accelera e amplia i programmi di internazionalizzazione con progetti che, nel tempo, sviluppano attività ed iniziative finalizzate a fornire alle imprese informazione, formazione, strategie. E così, nell’ambito del PROGETTO SEI –“Sostegno all’Export dell’Italia”- nella sede dell’ente, nei giorni scorsi, è stata messa in atto un’ulteriore importante iniziativa che ha coinvolto le imprese locali proprio sulle strategie di marketing internazionale.

Il workshop è stato realizzato in collaborazione con Promos Milano e il NIBI–Nuovo Istituto di Business Internazionale, con l’intervento di Michele Lenoci, docente esperto in direzione ed organizzazione aziendale per l’internazionalizzazione delle PMI e formatore nelle aree export.

Il corso ha affrontato i principali aspetti di marketing internazionale dal punto di vista di una piccola impresa, partendo dalla fase preliminare di studio dei mercati esteri e di analisi della domanda e della concorrenza. Sono state messe a fuoco le leve del marketing mix applicate all’internazionalizzazione, tra cui le politiche di pricing internazionale, l’attrattività e accessibilità dei paesi; la segmentazione dei mercati;  Ricerca, valutazione e scelta del canale di vendita e della modalità di commercializzazione dei prodotti, le politiche di comunicazione.

Nel corso dell’incontro, le imprese hanno avuto modo di approfondire aspetti conoscitivi necessariamente preliminari e importanti per considerare investimenti e miglior posizionamenti sui mercati esteri, tanto più che, nel confronto con l’esperto hanno potuto evidenziare e definire aspetti pratici e concreti legati, ciascuna, alla propria situazione aziendale, ottenendo utili e specifici elementi per valutazioni e scelte consapevoli.

La nostra politica a favore delle impresedice il Presidente Sebastiano Caffova proprio nella direzione di orientarle anche verso il mercato globale, rappresentando tutte le opportunità disponibili e accompagnandole nei processi di internazionalizzazione. Riteniamo che la crescita economica e sociale del territorio abbia come principale protagonista proprio il sistema produttivo che, pertanto, deve essere sostenuto, così come noi facciamo, ad esprimere al meglio le proprie potenzialità e ad espandersi su nuovi mercati dove far apprezzare le capacità imprenditoriale e l’eccellenza dei prodotti, che si traducono in maggiore redditività per le imprese, quindi, in aumento dei livelli occupazionali e in maggiore benessere sociale”.