Cittadella Regionale

Il Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari informa che sul portale istituzionale www.calabriapsr.it è stato pubblicato il riesame della graduatoria definitiva finale del “Pacchetto Giovani”, composto dalla Misura 6 “Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese” e dalla Misura 4 “Investimenti in immobilizzazioni materiali” (Interventi 6.1.1 “Aiuto all’avviamento di nuove imprese agricole condotte da giovani agricoltori”, 4.1.2 “Investimenti in aziende agricole in cui si insedia un giovane agricoltore”, 4.1.3 “Investimenti per la gestione della risorsa idrica da parte delle aziende agricole”, 4.1.4 “Investimenti per il ricorso alle energie rinnovabili da parte delle aziende agricole”), annualità 2016, del PSR Calabria 2014/2020.

Dal riesame delle domande sono risultati 248 i nuovi progetti ammessi a finanziamento, per un importo totale di 44.565.461,17 Euro. I progetti ritenuti ammissibili, e che vanno a sommassi a quelli già approvati (in totale 810), si specifica, hanno ottenuto punteggi da 36 in su. 

“Oggi siamo pronti a finanziare altri 248 giovani calabresi – dichiara il Presidente della Regione Mario Oliverio – che potranno insediarsi nel comparto agroalimentare e realizzare il proprio progetto imprenditoriale, creando e offrendo a loro volta nuove opportunità lavorative e muovendo l’economia dei nostri territori.Questi 248 progetti riammessi, si sommano ai 562 già finanziati con il bando del 2016 ed ai 400 primi insediamenti finanziati dal PSR con il bando del 2015. Abbiamo già insediato, dunque, 1200 giovani nuovi imprenditori, superando il nostro obiettivo che era di 1000 e semplificando notevolmente le procedure burocratiche.

Nel frattempo – aggiunge il Presidente – stiamo già istruendo le 1200 domande di sostegno relative al nuovo bando Pacchetto Giovani, annualità 2018, per il quale procederemo rapidamente verso una graduatoria, e attraverso il quale intendiamo dare ulteriori opportunità di lavoro ad altri giovani del territorio regionale e realizzare gli obiettivi che ci siamo prefissati ad inizio legislatura. Il ricambio generazionale in agricoltura, infatti, è il nostro scopo primario, essendo l’agricoltura, insieme all’offerta turistica, i due segmenti più importanti dell’economia regionale.

Con l’inserimento dei giovani, miriamo ad un’agricoltura di qualità, che sia innovativa e qualificata, e naturalmente i giovani  saranno al centro anche della nuova programmazione 2021/2027 dei fondi comunitari”.