Marco Cardinalini è il nuovo presidente dei Giovani Imprenditori di Sistema Moda Italia

Marco Cardinalini è il nuovo presidente dei Giovani Imprenditori di Sistema Moda Italia. Cardinalini, 39 anni, imprenditore di terza generazione nell'azienda di famiglia Cardinalini & C. Spa e startupper in AllDo Srl, è presidente anche della sezione Tessile di Confindustria Umbria, a cui succede a imprenditori come Brunello Cucinelli che ha guidato il comparto proprio quando era coetaneo di Cardinalini.

L'imprenditore succede ad Alessandra Guffanti e del suo consiglio direttivo fanno parte Stefano Aglietta (Italfil Lane SPA – Biella - Piemonte), Carlo Curti (SCR SPA – Como – Lombardia),  Francesco Ferraris (Finissaggio e Tintoria Ferraris SPA – Biella - Piemonte e presidente dei Giovani Imprenditori dell'Unione Industriale Biellese),  Leonardo Fortinelli (Opificio della Seta SRL – Terni - Umbria),  Elisa Fumagalli (Novaresin SPA – Lecco – Lombardia), Dino Masso (Tintoria Finissaggio 2000 SRL – Biella - Piemonte), Paola Nardelli (Industria Tessile Nardelli SPA – Martina Franca Taranto - Puglia),  Marco Scherillo  (Siola SRL – Napoli – Campania) e Francesco Terruli (Industria Tessile Nardelli SPA - Martina Franca Taranto - Puglia).

"Primo punto del programma- spiega Cardinalini-  è la formazione. Le aziende manifatturiere nei prossimi anni andranno incontro ad un importante turnover con necessità di inserire nuovo personale altamente specializzato e dobbiamo essere pronti a questa sfida. Facendo leva sulla vicinanza generazionale, l'attività del gruppo giovani si svolgerà negli istituti scolastici per promuovere il settore tessile e orientare agli indirizzi moda, e dei progetti già attivi come ComON e Bifuel.
In continuità con la presidenza di Alessandra Guffanti verrà confermato il progetto Connection per mettere in relazione i grandi brand internazionali con le nostre eccellenze produttive."

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
21 marzo 2018


condividi

googleplus twitter

In Evidenza