Unimpresa: sport centrale per crescita economica

“Una nuova e concreta opportunità per i nostri Associati che, attraverso una procedura semplificata di rilascio del mutuo, possono ottenere facilitazioni per finanziare il rinnovo delle attrezzature sportive, l’efficientamento energetico e la messa in sicurezza degli impianti sportivi gestiti dai nostri Associati”.

È quanto dichiara il vicepresidente di Unimpresa, Dario Tozzi, commentando la convenzione annunciata oggi tra la stessa Unimpresa e l’Istituto per il Credito Sportivo. “L’accordo – aggiunge Tozzi - prevede modalità di erogazione che si sostanziano nello snellimento e velocizzazione delle procedure, e nei contenuti, con la possibilità per le società di richiedere un finanziamento da 10.000 euro fino a 60.000 euro con l’accesso al fondo di garanzia. Una possibilità che libera gli amministratori del club da ogni impegno “personale” per ottenere il finanziamento. L’iniziativa rappresenta senza dubbio una grande opportunità per i nostri Associati che partecipano nelle diverse discipline allo sviluppo del movimento sportivo nazionale”. Secondo il vicepresidente di Unimpresa “dall’attivazione di questo strumento flessibile, veloce e conveniente ci attendiamo anche un sensibile impatto sociale legato al miglioramento dell’offerta sportiva. Infine, permettetemi di ringraziare i dirigenti del Credito sportivo che hanno collaborato nella realizzazione di questo progetto”.

“Lo sport è diventato centrale nella nostra associazione sia perché rappresenta una fetta importante del prodotto interno lordo del Paese, e quindi un’area di business di livello per le pmi italiane, sia per l’importanza del valore sociale per i più giovani e non solo. Non a caso, nelle proposte di Unimpresa alle forze politiche che abbiamo inserito nel documento presentato durante la campagna elettorale, un capitolo rilevante è proprio lo sport. Abbiamo previsto, in particolare, l’introduzione e l’avvio di azioni innovative nel sistema scolastico ed economico italiano, capaci di produrre significativi impatti economici, occupazione e reale qualità in termini di stili di vita, attraverso progetti tesi alla partnership con soggetti pubblici e privati nel territorio, creando esperienze ed ambienti che facilitino l’aggregazione in contesti ludici e sportivi” dichiara il presidente della Federazione Sport e Tempo Libero di Unimpresa, Marco Massarenti. “Puntiamo a sviluppare un nuovo canone di promozione della cultura sportiva scolastica – aggiunge Massarenti - con riferimento specifico all’educazione fisica nella scuola primaria, che deve rientrare nel diritto-dovere allo studio ed alla salute e, in quanto tale, rispondere a finalità educative, sportive, preventive, culturali e sociali. Una idea che trae fondamento dalla necessità di fornire, sia ai ragazzi sia alle famiglie sia alla scuola, elementi di chiarezza e di omogeneità di azione”.
 









 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
7 marzo 2018


condividi

googleplus twitter

In Evidenza