oznor

Giornata di festa per i più piccoli alla Cittadella regionale a Catanzaro in occasione della premiazione finale del progetto “Sorrisi”, promosso dall’associazione Fantàsia e sostenuto dalla Regione Calabria nell’ambito della legge per il diritto allo studio.

L’iniziativa ha coinvolto durante l’arco delle sei edizioni organizzate oltre mille bambini calabresi in attività di educazione alla lettura e scrittura creativa. Quest’anno hanno aderito al progetto cinque istituti comprensivi, con sede in ciascuna provincia – Petronà (CZ), “Tedeschi” di Serra San Bruno (VV), Rogliano (CS), “Borrelli” di Santa Severina (KR) e “Scopelliti-Green” di Rosarno (RC) – che con i loro alunni e insegnanti hanno preso parte all’evento finale.  

L’obiettivo è stato quello di far avvicinare i più piccoli al mondo del libro, nella doppia veste cartacea e digitale, offrendo agli alunni la possibilità di esprimersi liberamente attraverso la creatività e i linguaggi multimediali. La collaborazione tra le classi coinvolte – attraverso un percorso didattico sia in aula che a distanza tramite una serie di video tutorial online – ha avuto come frutto la realizzazione di storie originali con personaggi e disegni elaborati a più mani dai bambini,  pubblicate sul portale www.progettosorrisi.it e presentate dagli stessi alunni durante la giornata alla cittadella regionale.

Ad accogliere i partecipanti sono stati gli operatori di Fantàsia Leonardo Ruffo e Ninì Mazzei, con l’immancabile pupazzo-mascotte Fantàsio, l’illustratore Antonio Spadaro e l’editore di “La Rondine”, Gianluca Lucia, partner del progetto fin dalla prima edizione, che ha regalato ai piccoli alcuni volumi della collana Sorrisi che andranno ad arricchire le biblioteche delle scuole coinvolte. E’ intervenuta alla giornata anche Anna Perani, dirigente del settore Scuola e Istruzione della Regione Calabria, la quale ha evidenziato che il progetto rappresenta “una buona prassi ed un’esperienza consolidata che continua a portare ogni anno frutti positivi. La fantasia, la creatività, il gioco rappresentano delle prerogative fondamentali per accompagnare la crescita dei più piccoli e aiutarli ad esprimere le proprie capacità. L’iniziativa, inoltre, ha contribuito come negli scorsi anni ad arricchire l’offerta formativa delle aree periferiche e interne attraverso un percorso disseminato lungo l’intero territorio regionale”.

“Sorrisi” anche quest’anno ha potuto godere di una vetrina d’eccezione nello stand della Regione Calabria al Salone del libro di Torino promuovendo un percorso innovativo di educazione e di scambio capace di proiettare la scuola calabrese all’attenzione nazionale.