«Sono particolarmente soddisfatto dell’avvio operativo della realizzazione della metro leggera, un’opera di importanza storica a favore della futura città metropolitana». Lo ha dichiarato il rettore dell’Università della Calabria, Gino Mirocle Crisci, all’indomani dell’annuncio del presidente della Regione Mario Oliverio e dei primi cittadini di Cosenza e Rende, Mario Occhiuto e Marcello Manna, della consegna dei lavori della metrotranvia Cosenza – Rende – Università della Calabria.

«Mi sarebbe piaciuto essere presente a questo importante momento, che ha sancito l’avvio di un grande progetto di crescita del territorio – ha detto ancora Crisci – dato che l’università sarà parte importante di questa infrastruttura, grazie ad un bacino di utenza formato da migliaia di studenti e dipendenti che frequentano quotidianamente l’ateneo, spostandosi da Cosenza, Rende e dall’area urbana. Sono stato favorevole alla metro leggera sin dall’inizio, perché notevoli saranno i benefici per chi frequenta il campus in termini di salvaguardia ambientale, di mobilità moderna e di alleggerimento del traffico, non solo in entrata e in uscita da Arcavacata, ma da tutte le arterie stradali che gravitano intorno alla nostra università».

«Spero quindi – ha concluso il rettore – che il cantiere parta al più presto e che, viste le intenzioni del presidente Oliverio di far iniziare da subito i lavori anche dal lato Università, si possa collaudare e iniziare a usufruire seppur parzialmente del servizio, ancora prima che l’intero tragitto venga completato».