Wanda Ferro

Per dare la possibilità di un futuro agli stabilimenti balneari italiani abbiamo presentato un emendamento e un ordine del giorno alla Camera e ora un nuovo emendamento al Senato. Ora chiediamo che a Palazzo Madama la maggioranza approvi questa modifica alla legge di bilancio per estendere le concessioni in essere e avviare evidenze pubbliche per le nuove aree, tra l’altro in linea con gli impegni assunti dal governo”.

È quanto afferma il deputato di Fratelli d’Italia on. Wanda Ferro, che insieme a Carlo Fidanza e ad altri colleghi di Fdi ha preso parte alla manifestazione della Sib-Confcommercio in piazza Montecitorio e ha incontrato una delegazione di operatori turistici e balneari calabresi.

“Tra le prime proposte di legge che ho sottoscritto insieme a Giorgia Meloni e ad altri colleghi di Fratelli d’Italia in avvio di legislatura – ricorda Wanda Ferro – c’è proprio quella che mira a dare soluzione all’importante questione delle ripercussioni della direttiva Bolkestein sugli stabilimenti balneari italiani, che rischia di vanificare anni di sacrifici di quegli operatori balneari che hanno difeso le proprie aziende, spesso a conduzione familiare, dalla crisi economica e, in realtà come quella calabrese, anche dalle difficoltà legate alla depurazione e alle carenze collegamenti.

L’emendamento salva-balneari punta a tutelare le nostre imprese e a difenderle dallo strapotere delle multinazionali del turismo”.