Il presidente della Regione Mario Oliverio ha presieduto la riunione di Giunta durante la quale sono state approvate una serie di delibere anche in materia di rifiuti, bilancio, sviluppo economico e trasporti.

Su proposta congiunta del vice presidente Francesco Russo e degli assessori Mariateresa Fragomeni, allo sviluppo economico e al bilancio, e Roberto Musmanno, ai trasporti e alle infrastrutture, l’Esecutivo ha deciso la prosecuzione per l’annualità 2019/2021 del progetto strategico regionale Calabria Impresa.Eu, afferente allo sportello unico per le attività produttive e l’edilizia, assegnato al Patto per lo sviluppo, Por Calabria Fesr-Fse 2014/2020, Fsc 2014/2020.È stato poi deliberato, su proposta dell’assessore Musmanno, il perimetro del Bacino ottimale interregionale per la parte calabrese dell’Area integrata dello Stretto.

La delibera è approvata in attuazione dell’Accordo dell’1 marzo per l’istituzione dell’Area integrata dello Stretto, tra la Regione Sicilia, la Regione Calabria, la Città metropolitana di Messina, la Città  metropolitana di Reggio Calabria e la Conferenza permanente interregionale, per il coordinamento delle politiche nell’Area dello Stretto.Approvato inoltre il disegno di legge di modifica della legge sismica.”Nello specifico – evidenzia Musmanno -, il disegno di legge accoglie le osservazioni del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti su una precedente modifica della legge 37 del 2015, relativa alle procedure per autorizzazione sismica, e allo stesso tempo introduce alcune semplificazioni alle procedure di autorizzazione stesse. Inoltre dà mandato al Dipartimento competente per approvare gli elenchi di opere poco rilevanti o non rilevanti dal punto di vista sismico ai sensi del decreto sblocca cantieri. Tali elenchi consentiranno di rendere rapidamente operativa la procedura di deposito degli interventi poco rilevanti e non rilevanti quando saranno pubblicate le relative Linee guida da parte del Governo.

Complessivamente si potrà conseguire un consistente snellimento delle procedure di autorizzazione sismica presso il Genio civile”.

Su indicazione dell’assessore Fragomeni, la Giunta ha anche approvato una serie di variazioni di bilancio tra cui una per l’allocazione di 967 mila euro allo scopo di procedere all’avvio del progetto “Ecosistema 2” sul potenziamento dei servizi sanitari per i cittadini e un’altra di 30 milioni di euro finalizzata alla mitigazione del rischio idrogeologico per l’annualità 2019/2020.In materia di sviluppo economico, sempre su proposta dell’assessore Fragomeni, è stata formalizza l’intesa alla costruzione ed esercizio di un elettrodotto aereo per il collegamento tra San Procopio e Palmi Sud e alla demolizione degli elettrodotti esistenti.Infine, su proposta dell’assessore all’ambiente Antonella Rizzo, l’Esecutivo ha deliberato l’integrazione al metodo di calcolo della raccolta differenziata per alcuni rifiuti sanitari assimilati agli urbani, ovvero assorbenti igienici, pannoloni e pannolini pediatrici.

“I Comuni – spiega l’assessore Rizzo – devono farsi carico dell’organizzazione della raccolta e della gestione di questo tipo di rifiuto prodotto dalle strutture ospedaliere, extra ospedaliere, residenziali e semi residenziali che offrono prestazioni sanitarie assistenziali e socio assistenziali. In pratica, nei territori comunali in cui vi è un elevato numero di queste strutture, la produzione di tali rifiuti altera l’effettiva percentuale di raccolta differenziata raggiunta dalle Amministrazione comunali, compromettendo gli sforzi messi in campo per potenziare la raccolta differenziata anche attraverso l’erogazione di ingenti risorse pubbliche da parte della Regione. Con l’Arpacal – evidenzia inoltre l’assessore – sono state stabilite le modalità affinché questi rifiuti siano considerati ‘frazione neutra’ in modo da non influenzare la percentuale di raccolta differenziata. Intanto, è previsto un monitoraggio sperimentale nel Comune campione di Cotronei, sede di strutture sanitarie e socio sanitarie con un numero di posti letto pari al 10 per cento della popolazione residente. Successivamente si procederà  con gli altri Comuni che ne faranno richiesta”.