Quattrocento adesioni. Un fiume di gente. Un mare di speranza. A Roma la Cisl Magna Graecia ha contribuito a scrivere un’importante pagina della storia di questo Paese.

Con otto pulman e 400 iscritti, la Ust guidata dal segretario generale Francesco Mingrone ha partecipato alla manifestazione nazionale unitaria con lo slogan “Futuro al lavoro”, per sostenere proposte su crescita, sviluppo, lavoro, pensioni e fisco, e chiedere al governo di cambiare la politica economica.

Insieme a Cgil e Uil, la Cisl ha dato voce a 13,5 milioni di persone che sono rappresentante dal sindacato confederale. “La straordinaria occasione di oggi – ha detto Mingrone – è servita per rilanciare e sollecitare l’attenzione del governo centrale sui temi del lavoro, degli investimenti pubblici, delle politiche fiscali giuste ed eque, rivalutazione delle pensioni, del welfare, della sanità, dell’istruzione, della Pubblica Amministrazione e del rinnovo dei contratti pubblici. La copiosa partecipazione calabrese ha, inoltre, attestato l’impegno della Cisl sulle battaglie del Mezzogiorno“.