E’ indirizzata al Prefetto, Francesca Ferrandino, la richiesta di incontro firmata dai segretari generali delle tre sigle sindacali, Raffaele Mammoliti (Cgil), Francesco Mingrone (Cisl) e Santo Biondo (Uil) a seguito del del tragico evento che ha causato la morte di un lavoratore in circostanze ancora da definire.

A dare notizia di questa iniziativa è il segretario generale della UST Magna Graecia, Francesco Mingrone il quale ribadisce come, nella richiesta di incontro, è stato sottolineato quando sia indispensabile convocare un’ apposita riunione in Prefettura per discutere di come affrontare l’applicazione delle norme in materia di sicurezza e di controllo sui luoghi di lavoro.

Tutto ciò – si legge nella missiva – diventa ancora più cogente in considerazione del fatto che dall’inizio del 2018 ad oggi, nel nostro Paese siamo arrivati a 389 vittime. Questa strage si consuma in un Paese che ha istituito nel 2009 un Osservatorio degli infortuni sui luoghi di lavoro

Dal canto suo il segretario generale della UST Magna Graecia, Francesco Mingrone ribadisce, ancora una volta, quando necessario sia mettere in atto una operazione capillare a scopo educativo che coinvolga tutti gli ambiti sociali al fine di promuovere e diffondere quella cultura di legalità che, unitamente ad un’adeguata formazione dei nostri giovani, saprà guarire e migliorare la nostra società”.