Con l’ultimazione delle opere realizzate dagli artisti che dal 24 aprile hanno risieduto nel borgo di Sellia, è calato il sipario sulla prima edizione di SelliOn Motion Village.

Il primo progetto di valorizzazione culturale in Calabria che unisce la ricerca nel campo delle arti visive all’ospitalità diffusa degli appartamenti ristrutturati nel cuore dell’antico borgo selliese ha registrato una grande partecipazione riuscendo ad attrarre nel centro Presilano tantissimi visitatori, appassionati, curiosi.

Cinque intense giornate durante le quali gli artisti hanno tratto ispirazione dalle pietrose rughe del borgo, dalla cucina tipica, dai racconti degli anziani del luogo e dagli incontri, immergendosi nella storia e nella tradizione di Sellia grazie allo storytelling dell’archeologo Lorenzo Chiricò dedicato al mito di  Trischene, la città costiera da cui tra il IX e X secolo un gruppo di profughi sfuggì agli assalti dei Saraceni, rifugiandosi sul monte Sellion.

Il giovane disegnatore Stefano Orsetti, di stanza al Museo dei Fumetti, ha realizzato nei giorni della manifestazione un short story a fumetti che attraverso le immagini del borgo medievale e dei ruderi del Castello narra il mito di un popolo ai tempi della caduta di Troia. Al mito di Trischene si sono ispirati anche Claudia Olivadese e Vincenzo Lazzaro attori, registi e produttori indipendenti che hanno realizzato un’animazione in stopmotion dal titolo Asilia – terra di memoria che “ha preso vita” nelle vie del borgo e all’interno del Museo dei bambini (Museba) e Paola Loprete, artista concettuale e fumettista che per Sellion Motion Village ha realizzato un intervento murale su una delle facciate principali dell’Ecomuseo all’aperto dove è possibile ammirare la poppa di un’antica nave di rotta su Orione. E poi Simonluca Spadanuda, illustratore, graphic designer e fumettista che ha “risieduto” all’interno del Museo della Scienza “Terra & Cosmo” dove ha realizzato riproduzioni di alcuni fossili in chiave espressionista, spaziando tra acquarello e illustrazione digitale.

E ancora  l’installazione itinerante di Laura Stancanelli ed Ehab Halabi Abo Kher  che ha accompagnato i visitatori in un percorso sensoriale che ha toccato cinque vecchie case abbandonate del borgo da cui risuonavano rumori di vita quotidiana, di antiche filastrocche o preghiere, rivelando impressioni e visioni interiorizzate dagli artisti nel corso della residenza selliese.

Ospite d’onore  della manifestazione è stato Lucio Parrilo, uno dei pittori e illustratori italiani più quotati e conosciuti a livello internazionale che nei locali dell’ex Asilo di Sellia ha proposto un workshop dedicato ai comics e all’illustrazione. Sempre l’ex Asilo ha fatto da cornice all’esposizione delle tele della pittrice Brunella Pisani. Nella giornata del 25 Aprile SelliOn Motion Village ha proposto un Trekking urbano a cura dell’associazione Route106 attraverso le bellezze naturali, museali e archeologiche del borgo, nel corso del quale i partecipanti hanno avuto la possibilità di incontrare gli artisti nel pieno delle loro attività, in un percorso che si è concluso all’interno del “Parco Avventure in Borgo” di Sellia all’insegna degli sport aderenalinici e della convivialità.

A partire da lunedì 29 inizierà la fase di post-produzione che terminerà tra circa un mese quando sarà presentato il catalogo ufficiale contenente un report con immagini e informazioni sugli  interventi realizzati dagli artisti del SelliOn Motion Village tra le vie del borgo di Sellia.