Il sogno, la cabala, l’ambiente del quartiere, la contrapposizione tra legge e religione: sono gli elementi che caratterizzano “Non ti pago”, la commedia di Eduardo De Filippo messa in scena domenica pomeriggio dalla compagnia del Teatro Incanto.

Tre atti in circa novanta minuti che, tra riflessioni e fragorose risate, hanno tenuto, nonostante il maltempo, il numeroso pubblico attaccato alle nuove e comode poltrone del Cinema Teatro Comunale.

Un bell’inizio di stagione per il gruppo diretto da Francesco Passafaro che ha curato anche la regia di una delle rappresentazioni più brillanti del repertorio eduardiano, che lo stesso grande drammaturgo napoletano definiì “una commedia molto comica che considero la più tragica che abbia mai scritto”.

Ferdinando Quagliuolo, gestore di un botteghino di banco lotto a Napoli, gioca con accanimento ma non indovina mai un numero vincente. Al contrario, il suo impiegato e futuro genero Mario Bertolini, interpretando i sogni, colleziona vincite su vincite fino ad arrivare a “are quaterna con i numeri dati in sogno dal defunto padre del suo datore di lavoro. Accecato da una feroce invidia Don Ferdinando si rifiuta di pagargli la vincita…

“Non ti pago” parte dal sogno di un uomo per raccontare l’uomo stesso e i suoi lati grotteschi in modo ironico, descrive gli equilibri di una famiglia, la superstizione che lega due amici al gioco, parla di una società che si muove sull’invidia, sull’illusione di un futuro diverso.

Tutta la comicità è affidata al corpo, alla gestualità e alle espressioni marcate tipiche della gente del Sud, messe in campo dai rodati Francesco Passafaro, Stefano Perricelli, Roberto Malta, Michele Grillone, Francesca Guerra, Valentina La Gamba, Michele Muzzi e poi dalle new entry, Marco Trocino, Silvia Frustaci, Giorgia Capri, Daniele Sgrò e Francesca Romana Cirillo.

Un gran lavoro di squadra, completato da Elisa Condello come aiuto regia, dalle musiche di Giuseppe Tassoni,  la scenografia curata da Michele Grillone, Marzia Passafaro e Rossella Rotella che si è occupata anche del service.

Il Teatro Incanto tornerà a calcare il palcoscenico del Comunale domenica 25 novembre con “Giù il Cappello”, commedia scritta e diretta da Francesco Passafaro.