A Milano, nel 32° locale appena inaugurato da Panino Giusto in Piazza Cordusio, a due passi da Piazza Duomo, è stato presentato alla stampa Petèlia, il primo panino d’autore della chef Caterina Ceraudo, con Stefano Caccavari che ne ha selezionato la farina Mulinum.

La freschezza di un’insalata di campo, agrumi canditi e zeste di limone, la gustosità del capocollo locale (cucinato secondo la ricetta della chef nelle cucine Panino Giusto), il profumo della cipolla di Tropea marinata in aceto di lamponi, una cremosa e avvolgente stracciatella: sono i sapori della Calabria, scelti da Caterina Ceraudo per esprimere il suo territorio in un panino fragrante e profumato, realizzato con farina Mulinum. E’ stato infatti selezionato grano tenero Verna, varietà coltivata nella Sila catanzarese a 1300 metri d’altezza da circa 60 anni e macinata al Mulinum di San Floro (CZ) a pietra naturale Fertè, per Petèlia. Il risultato che dà questa farina, integrale e che non ha risentito di trattamenti chimici invasivi, è eccellente anche a detta del panificatore di Panino Giusto che ha realizzato l’impasto del panino, gustoso e genuino.

Petèlia, come il nome greco di Strongoli, terra natia della chef, non celebra solo gli antichi sapori della Calabria, ma anche il talento di giovani imprenditori come Caterina Ceraudo e Stefano Caccavari, fondatore di Mulinum (startup che rilancia l’economia del buon grano italiano), che sfuggono i luoghi comuni, proponendo la loro regione sotto una veste contemporanea e perfino con una sintesi efficace e moderna come quella di un panino.

“Considero questa collaborazione con Caterina Ceraudo e Panino Giusto un primo passo per portare, con il sostegno dei miei 220 soci, la filosofia di Mulinum a Milano, un luogo concreto dove i sogni prendono corpo, diventano lavoro e si aprono a confronti, relazioni e sviluppo” dichiara Caccavari, che tra i suoi progetti ha la costruzione di un Mulinum alle porte della città meneghina, oltre quelli già previsti in Toscana e Puglia.

“Il pubblico cosmopolita di Milano sarà un primo test per le farine Mulinum, questa volta trasformate in panino, cioè un pranzo gustoso, genuino e integro. Anche attraverso questa strada auspichiamo una diffusione di pane con farine Mulinum in ogni fornaio milanese che sappia valorizzare il buon grano” – conclude Caccavari.